Magazine
Quotidiani digitali
La prima pagina di oggi

Milano, 20 maggio 2022: Diasorin, Stellantis, Brunello Cucinelli

Buone notizie per DIASORIN che poco fa ha annunciato di aver ottenuto la marcatura CE del test ARIES Flu A/B & RSV+SARS-CoV-2 per l’identificazione e la differenziazione dei quattro virus respiratori più diffusi e delle infezioni da essi generate. Il test sarà eseguibile sulla piattaforma di diagnostica molecolare ARIES. L'analisi del grafico di Diasorin mette in evidenza la tendenza ribassista in forza da settembre. Il titolo è ora impegnato in un tentativo di rimbalzo da 106,20 euro, minimo da marzo 2020 toccato il 12 maggio scorso. Per dare continuità al movimento occorre una chiusura di seduta superiore al recente massimo a 121,95: primo obiettivo a 127,50 e successivo a 135, dove transita la linea discendente in essere da novembre. Sopra questo ultimo riferimento verrebbe inviato un primo segnale positivo in vista di un'ipotetica inversione di tendenza. Conferme in tal senso sopra il massimo di inizio aprile a 150,30. Sotto 106,20 riattivazione della tendenza negativa con obiettivo a 95,25, minimo del 9 marzo 2020.
STELLANTIS termina la seduta di giovedì in leggero calo: -0,27% il saldo, a 13,472 euro, a fronte di un saldo di seduta del Ftse Mib di -0,21%. Nel corso della giornata i prezzi hanno oscillato tra 13,02 e 13,478 euro. Il risultato negativo è venuto anche a causa dei dati ACEA sulle immatricolazioni di auto nell'Unione Europea ad aprile: -20,6% a/a in accelerazione negativa se paragonato al -14,4% complessivo nei primi quattro mesi del 2022. Il CEO Carlos Tavares ha dichiarato ai media che l'India ha un'importanza strategica per il gruppo automobilistico: l'intento è quello "di sviluppare le attività operative nel Paese nell'ambito del piano strategico globale "Dare Forward 2030". Stellantis avvierà la riorganizzazione della rete europea dei concessionari nel giugno 2023. L'operazione partirà da Austria, Belgio e Paesi Bassi e dai marchi premium e di veicoli commerciali in tutti i mercati continentali. Lo ha annunciato il responsabile delle vendite Enlarged Europe. I minimi di giovedì sono sulla base del canale rialzista disegnato dal minimo del 2 maggio. Sotto quei livelli diverrebbe probabile il ritorno sul supporto critico di area 12,10/15, dove si collocano i minimi del 7 marzo e del 27 aprile. Con il cedimento di quei livelli verrebbe inviato un grave segnale ribassista, introduttivo a movimenti verso gli 11 euro, target del "doppio massimo" disegnato in area 18,75/19,35 dal 13 agosto completato il 4 marzo. Sopra area 14 possibile un test dal basso dei minimi del 30 novembre a 14,84 euro (base del doppio massimo). Solo sopra quei livelli il rischio di una evoluzione ribassista verso o sotto gli 11 euro verrebbe messo in discussione.
Seduta in netto calo quella di ieri per BRUNELLO CUCINELLI che ha perso il 3,66% attestandosi a 45,74 euro. Il comparto del lusso è stato penalizzato dalle ispezioni decise dalla Commissione Europea presso alcuni gruppi del settore: l'ipotesi è la violazione delle norme che vietano cartelli e altre pratiche restrittive della concorrenza. Brunello Cucinelli sta cercando di reagire al ribasso dell'ultimo mese, ma il rimbalzo visto dai minimi di settimana scorsa a 43,14 euro si è per il momento infranto sulla media esponenziale a 50 sedute in area 49. Il movimento disegnato da fine aprile potrebbe ancora trasformarsi in un testa e spalle rialzista, ma solo il superamento di quota 49 avallerebbe detta configurazione proiettando obiettivi a 55 euro circa. Sotto 45 invece probabile un nuovo test a 43 euro, la cui violazione aprirebbe le porte al ritorno sui bottom del 7 marzo a 39,20 euro, riferimento critico nello scenario di medio lungo periodo del titolo.

loading...

Portafoglio
0 Titoli
0.00 € Valore tot
0.00% Var %
Listino Personale
0
Titoli presenti nel tuo listino
Notifiche
0
Notifiche attive
Dati forniti da  Infront Italia  - Fonte dati: Borsa Italiana e Mercati Internazionali